Valerio Albisetti - Il viaggio della Vita

DIETRO LA TRAGEDIA LA SPERANZA

Ho sempre insegnato a guardare bene, a guardare tutto, fino in fondo. A non far mai passare le cose e le persone  sopra di noi. Ma a viverle. E ho ricordato e creduto che dietro la tragedia, esistono, da sempre, senso e speranza. Il mio Dio non è mai stato separato dagli esseri umani. Abita nei loro cuori. Spero che anche questo blog faccia imparare a porre le domande giuste, per poter andare avanti nel proprio viaggio della vita. Tutto possiede un senso. Non esistono perdite di tempo, incontri inutili, è un universo comunque incantato quello in cui viviamo, dove Dio ci parla attraverso ogni cosa. Il mio vuole essere un linguaggio ricco di energia e di umanità per coloro che intendono mettersi in viaggio o vi sono già.

    4 commenti

  1. Sono d’accordo anche se non sempre ci si riesce a vedere oltre. Il significato degli eventi si scopre dopo qualche tempo quando l’emotività cessa e inizia la riflessione.

    Felice.

  2. Grazie Valerio di ogni parola che come un seme germoglia nella nostra testa prima e nella nostra vita poi

  3. Sì, è proprio così. Il mio Dio non è mai stato separato da. Anche quando non sapevo ancora che da sempre mi ha abitato.
    Tardi mi ha trovata..Anzi: tardi l’ho riconosciuto e compreso che mai è stato separato da me…Era vero il contrario.
    Oggi mi rendo conto che un Padre così amorevole, non manca mai verso i suoi figli…Sono i suoi figli, spesso a mancare Lui.
    Sono contenta che tu ci sia…che ci siano le tue parole… Sono guida.
    Grazie di cuore.

  4. Siamo in viaggio da molto tempo e sono certa che prima di scendere sulla terra,ci conoscevamo tutti. L’importante è ritrovarsi come DIO CI HA CREATO e ritornare alla gioia!!!!!!

Commenta l'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>