Valerio Albisetti - Il viaggio della Vita

CONNAITRE LA VERITE’

 

Une fois commencé le voyage spirituel rien ne peux jamais être comme avant. Lorsque tu rentre dans la vérité tu ne peux pas en sortir indemne. La vérité condamne les malfaiteurs et celui qui la proclame reçoit des blâmes, des épreuves, de l’opposition, parfois des persécutions. Il a envie d’abandonner le voyage et la vérité, mais lorsque la vérité a pris racine dans son cœur, elle devient un feu ardent et douloureux que l’on ne peut pas contenir, parce que Dieu est avec soi comme un homme fort et terrifiant (Jérémie 20 :11). Alors le désir de Dieu devient douloureux parce qu’on sait par Dieu que les malfaiteurs, que l’on veut aider trébucheront et ne réussiront pas. Et cette douleur devient alors ta recherche. Après cette expérience l’ordinaire devient extraordinaire. Et rien de ce qui est de ce monde ne pourra désormais te satisfaire. A présent on pourra encore tomber, mais désormais on connaît la vérité, et comme dit Jérémie, elle brûle au-dedans de nous  (Jérémie 20 :9). On ne pourra plus nier que celle-ci est la vérité, et tenter de vivre selon ses principes constitue la partie restante du voyage. Maintenant la recherche est réelle, parce que la vérité est réelle.

    5 commenti

  1. mi ricorda il fuoco che brucia nel cuore al pellegrino che recita la preghiera del cuore nei “Racconti di un pellegrino russo”

  2. Vero, profondamente vero. Grazie Valerio.

  3. Ringraziandoti Felice, colgo l’occasione per approfondire il discorso.
    Come ben sai Geremia era stato stabilito profeta da Dio stesso per preannunciare ai numerosi re giudei dell’epoca le maledizioni e le condanne divine a cui andavano incontro per le loro continue trasgressioni. Profetizzo’ durante più di quarant’anni durante i regni dei più cattivi, apostati e idolatri re dei giudei. Dovette subire tante sofferenze e persecuzioni per la sua opera profetica. Ebbe momenti di grande scoraggiamento e dolore in cui si augurava di morire e voleva abbandonare la sua opera profetica. Ma Dio lo ha sempre sostenuto e gli ha dato sempre la forza di riprendere la sua missione. Oltretutto é un profeta che ha visto durante la sua vita la realizzazione di diverrse profezie che aveva lui stesso annunciato.
    In Geremia 20:9 si intuisce benisimo che é afflitto e pensa di smettere, ma non puo’ tacere la parola di Dio che é la verità e che brucia in sé, cosi che é costretto a parlare.
    Detto questo io credo che non si é mai sentito intrappolato da cio’ che proclamava. Era addolorato e stanco per la sua situazione e perché le persone avvertite quasi tutte non si facevano salvare e invece di cambiare reagivano contro di Lui.
    Ecco il tutto nel contesto.
    Devo dire che la verità ci libera.(Giovanni 8:31, 32) …“Se rimanete nella mia parola, siete realmente miei discepoli, 32 e conoscerete la verità, e la verità vi renderà liberi”.
    Pero’ una volta conosciuta la verità se ce ne liberiamo non ne usciremo indenni.
    (Ebrei 10:26-31) 26 Poiché se pratichiamo il peccato volontariamente dopo aver ricevuto l’accurata conoscenza della verità, non rimane più alcun sacrificio per i peccati, 27 ma [c’è] una certa paurosa aspettazione del giudizio e [c’è] un’ardente gelosia che consumerà quelli che si oppongono. 28 Chi ha trascurato la legge di Mosè muore senza compassione, sulla testimonianza di due o tre. 29 Di quanto più severa punizione pensate che sarà ritenuto degno chi avrà calpestato il Figlio di Dio e avrà stimato come di valore comune il sangue del patto mediante il quale fu santificato, e avrà oltraggiato lo spirito dell’immeritata benignità con disprezzo? 30 Poiché conosciamo colui che disse: “La vendetta è mia; io ricompenserò”; e di nuovo: “Geova giudicherà il suo popolo”. 31 È pauroso cadere nelle mani dell’Iddio vivente.
    (2 Pietro 2:20-22) 20 Certo, se, dopo essere sfuggiti alle contaminazioni del mondo mediante l’accurata conoscenza del Signore e Salvatore Gesù Cristo, sono coinvolti di nuovo in queste cose e ne sono sopraffatti, le loro condizioni finali son divenute peggiori delle prime. 21 Poiché sarebbe stato meglio per loro non avere accuratamente conosciuto il sentiero della giustizia che, dopo averlo accuratamente conosciuto, allontanarsi dal santo comandamento loro trasmesso. 22 È accaduto loro il detto del verace proverbio: “Il cane è tornato al proprio vomito e la scrofa lavata a rivoltolarsi nel fango”.

  4. la ricerca della verità è fondamentale per poter vivere….

  5. Grazie Valerio per il tuo approfondimento, sarà oggetto delle mie meditazioni. Grazie di cuore.

Commenta l'articolo

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *


Vous pouvez utiliser ces balises et attributs HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>