Valerio Albisetti - Il viaggio della Vita

NUOVO LIBRO 2015

Sto scrivendo il mio nuovo libro 2015 che uscirà nelle librerie italiane in autunno per le Edizioni Paoline, pronto per poi partecipare, come al solito, alla fiera di Francoforte, la più importante per noi autori internazionali.
Almeno in Europa.
Sto scrivendo sotto i pini del mio casale-eremo toscano.
E’ situato a mezza collina da dove lo sguardo si perde nella vallata sottostante ad ammirare i piccoli borghi che spuntano millenari tra il verde dei boschi.
Mi sono fermato a scrivervi cari amici di fb.
Non potevo non farlo.
La mia esistenza è da sempre, come i miei lettori più fedeli sanno, volta a infondere senso e speranza a chi mi segue.
Trent’anni fa scrivevo che l’Occidente aveva perso la fiducia in se stesso.
Avevo ragione.
E oggi la sua crisi di significato e di senso è così grave che non mi meraviglio di come rimane balbettante di fronte alle violenze che riempiono il tempo e sommergono la terra.
Forse le sue periferie, quelle soprattutto di confine con altre religioni, potranno essere nuove portatrici di fede e di speranza.

Gli errori sono, spesso, mistero e si risolvono con il tempo.

Vostro Valerio Albisetti

    5 commenti

  1. Caro Professore,
    l’articolo a mio modesto
    parere racchiude in se nella sua
    “brevità” tanti argomenti che mi fanno
    riflettere; le colline toscane mi fanno pensare
    al meritato riposo che ci concediamo dopo un anno di
    fatiche e la mente ha bisogno di vedere immagini così dolci e rilassanti.Il problema dell’occidente con il consumismo sfrenato che ti pervade nella mente e corpo.Le violenze di oggi che spaventano e sembrano avere ragione sul bene, quel Bene, che l’uomo ha dentro di se e non riesce a far emergere per raggiungere il famoso e indispensabile bene comune.La speranza che le religioni, partendo dalle periferie, possano incontrarsi e creare un convivere fraterno; con la speranza che Dio ascolti le nostre preghiere.E in fine, l’errore, che racchiude in se i limiti dell’umanità e anche qui speriamo che questo – l’errore- serva all’uomo per imparare e non perseverare in esso, cosa, che oggi purtroppo succede.
    Speriamo che Nostro Signore venga in aiuto a questa umanità… Grazie Professore e con gioia aspetto il suo nuovo libro. Enzo bocchini

  2. Caro Valerio Albisetti,
    buon lavoro e buona giornata
    daniela

  3. stiamo vivendo una svolta epocale, simile a quella che sconvolse l’Impero Romano d’Occidente. E, come allora, la vita diventa più dura e complicata. Di più, mentre allora l’uomo permaneva “integro”, ora è frantumato dalla società liquida. Ma il tramonto di quell’epoca fu seguito dall’alba di una nuova era, in cui gli uomini e le istituzioni erano permeate dallo spirito del Vangelo, pur nei limiti della natura umana decaduta.
    Dobbiamo vivere questo tempo con la stessa speranza, anzi, con una speranza maggiore, confidando nell’aiuto di Nostro Signore, che saprà trasformare il chicco di grano frantumato in pane profumato e fragrante.
    Stefano

  4. E’ vero, caro Valerio. Solo un cieco e uno stolto possono non rendersi conto di ciò che sta succedendo ormai da diverso tempo. I tuoi scritti sono un meraviglioso testamento spirituale per tutti.
    Buon lavoro e… a noi buona lettura.

    Marcello da Monopoli

  5. Grazie Marcello..è anche la mia speranza: che i miei libri mi sopravvivano e siano guide per il vostro viaggio.

Commenta l'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>